Anche se abito in una regione dove le varietà di pane sono molteplici, il mio dolcissimo Andrea le detesta praticamente tutte, accusando il nostro buonissimo pane di essere troppo dolce…sob!

Quindi, mi son dovuta ingegnare per produrre del buon pane fatto in casa che avesse un sapore rustico e deciso e durasse per lo meno una settimana e, dopo innumerevoli tentativi, ecco la mia creazione, della quale Andrea è pienamente soddisfatto!

Ingredienti per una pagnotta di circa 1,300 Kg

Preparazione: 15 minuti

Prima lievitazione: 12 ore

Seconda lievitazione: 2 ore

Cottura: 45 minuti

800gr di semola rimacinata

200gr di farina manitoba

4gr di lievito di birra fresco

1 cucchiaino di malto d’orzo

25gr di sale

25gr di olio e.v.o.

600ml di acqua temperatura ambiente

Mettiamo il lievito in una ciotola e sciogliamolo con un po’ d’acqua di quella già misurata.

Mettiamo nella ciotola della planetaria le farine, il malto, l’olio e il lievito sciolto, avviamo alla

velocità 1,5/2 al massimo per amalgamare gli ingredienti e dopo un minuto circa aggiungiamo il sale e l’acqua a filo.

Lasciamo andare l’impastatrice per circa 10 minuti, sempre alla stessa velocità.

L’impasto dovrà risultare liscio e leggermente colloso alla fine della lavorazione.

Lasciamo l’impasto nella ciotola della planetaria, sigilliamo con la pellicola e mettiamolo nello scomparto più freddo del frigorifero, per almeno 12 ore.

Dopo questo periodo di lentissima lievitazione, estraiamo l’impasto dal frigo e mettiamolo in una teglia tonda antiaderente di circa 24/26 cm di diametro, avendola preventivamente spolverata con un pò di semola, bagnamo l’impasto in superficie con un nebulizzatore (così eviteremo che si secchi) e riponiamola nel forno a metà altezza, con la sola luce accesa per due ore.

Trascorso questo tempo, incidiamo delicatamente la superficie, accendiamo il forno al massimo della potenza (230/250 gradi circa) in modalità statica per 15 minuti, trascorsi i quali abbasseremo la temperatura a 200 gradi per un’altra mezz’ora.

Il pane sarà pronto quando assumerà la caratteristica coloratura dorata in superficie.

Spegnete il forno e lasciate raffreddare completamente.

Buon Appetito!

 

Antonella Ganci Lillini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *