vegetariano

Zucchina tonda alla siciliana

Una delle regine dell’estate è proprio la zucchina.

Questa sua variante, dalla forma sferica ed elegante, si presta perfettamente come contenitore di molteplici e gustosi ripieni, oggi vi propongo la mia versione alla siciliana.

Zucchina tonda ripiena alla siciliana

Tempo di preparazione: 1 ora

Tempo di cottura: 50 minuti

Tempo totale: 1 ora, 50 minuti

Zucchina tonda ripiena alla siciliana

Ingredienti

  • 4 zucchine tonde
  • 400 g di pane raffermo
  • 200 ml di latte
  • 2 uova
  • 80 g di tonno sott'olio
  • 150 g di provoletta affumicata
  • 4 acciughe sott'olio
  • 50 gr di pomodori secchi sgocciolati
  • 2/3 foglie di menta fresca
  • sale e pepe q.b.
  • olio e.v.o.

Istruzioni

  1. Mettiamo il pane raffermo a bagno nel latte per circa mezz'ora e strizziamo
  2. Lavare le zucchine e svuotarle, posizioniamole in una teglia da forno leggermente oleata, mettiamo un filo d'olio dentro ognuna, sale e pepe
  3. In un mixer mettiamo tutti gli ingredienti spezzettati (acciughe, uova, pomodori secchi, tonno, menta, provoletta e il pane strizzato), facciamo andare per un minuto, versiamo in una ciotola e finiamo di amalgamare, aggiustiamo di sale
  4. Riempiano le zucchine precedentemente svuotate e irroriamole con dell'olio, copiamole con il loro cappello e chiudiamo la teglia con dell'alluminio.
  5. Cuciniamo in forno ventilato, posizionando la teglia a mezza altezza, per 45 minuti a 180°, togliamo l'alluminio e accendiamo il grill per per circa 3/4 minuti facendo attenzione a non bruciare i coperchi
  6. Servire caldo
Recipe Management Powered by Zip Recipes Plugin
http://www.antonellaganci.it/2016/06/zucchina-tonda-alla-siciliana.html

zucc-ripiena

 

 

Bon Apetit!

 

Spicy pommes dauphines

 

Stamattina una mia amica foodblogger ha pubblicato una ricetta per realizzare una torta di patate  e mi ha fatto venir voglia di patate fritte, ma non delle comuni patatine, ma le mie spicy pomme dauphines.

Ingredienti:

750 gr di patate lesse

2 uova

125gr di farina di semola

50 gr di burro

60 ml di acqua calda

1 cucchiaino di paprika dolce

sale q.b.

olio per frittura

 

Procedimento:

Mettere una pentola sul fuoco, aggiungere l’acqua e il burro e lasciare sciogliere, dopo di che aggiungiamo la farina e mescoliamo.

Trasferire il composto in una ciotola e lasciar raffredare completamente.

Schiacciamo le patate lesse e uniamole al composto già raffreddato, insieme alle uova e la paprika dolce, aggiustiamo di sale, mescoliamo e amalgamiamo bene (questa operazione volendo si può fare in planetaria con la frusta a foglia per 3 minuti).

Riscaldiamo in una pentola dai bordi alti l’olio per frittura, mettiamo il nostro composto in una sac à poche e tagliamo direttamente nella pentola con delle forbici delle piccole porzioni, stando attendi a non bruciarsi con gli schizzi, friggendole fino a doratura.

Mettiamole a scolare in un colapasta, così da togliere l’olio in eccesso e farle raffreddare.

Servire accompagnando con delle salse o come contorno ad un secondo; messe in piccoli cartocci possono divenatre un gustoso antipasto.

Bon apetit!

x (1 di 1)

Timballo di anelletti siciliani

 

Avete mai provato questa bontà?

E’ un primo piatto tipico palermitano, molto saporito in quanto contiene due delle tipicità siciliane: le melanzane fritte e la ricotta salata.

Inutile sottolineare che questo piatto può essere considerato un piatto unico, ma che ve lo dico a fare, ogni boccone sarà un salto in paradiso e quindi ne vale davvero la pena!

x (10 di 11)

Ingredienti: (per 4 persone)

320 gr di anelletti siciliani

1 melanzana lunga

500 gr di pomodori pelati a pezzetti

500 gr di passata di pomodoro

mezza cipolla bianca, mezza carota, una costa di sedano

uno spicchio d’aglio

200 gr di ricotta salata semistagionata da grattuggiare

basilico

olio e.v.o

olio per frittura

sale e pepe q.b.

 

Preparazione:

Cominciamo col tagliare a dischi sottili le melanzane e metterle a scaricare l’acqua di vegetazione in un colapasta, intervallando i vari strati con del sale grosso e coprirle con un peso, così da agevolarne l’espulsione; lasciare così per circa 30 minuti.

x (1 di 11) x (2 di 11)

x (3 di 11)

 

Nel frattempo prepariamo la salsa di pomodoro; tritiamo la carota, il sedano e la cipolla, sbucciamo l’aglio e lasciamolo intero,prendiamo una padella capiente, riscaldiamola e mettiamo le verdure, un filo d’olio e lasciamo soffriggere pe 3 minuti a fuoco medio, facendo attenzione a non bruciare nulla.

Togliamo lo spicchio d’aglio e aggiungiamo la passata e i pezzettoni, abbassiamo la fiamma, facciamo cucinare per circa mezz’ora, trascorsa la quale aggiusteremo di sale e pepe ed aggiungeremo del basilico fresco, eventualmente aggiungiamo dello zucchero se la salsa vi risulta troppo acida all’assaggio… mi raccomando non esagerate!x (5 di 11)

Asciughiamo le melanzane e prepariamole per la frittura; un segreto per evitare che durante la cottura assorbano tantissimo olio è quello di scottarle leggermente, quindi, prendiamo una padella, arroventiamola e grigliamo le melanzane.

x (4 di 11)

 

In una pentola dai bordi alti mettiamo a riscaldare l’olio per la frittura, vi accorgerete quando è pronto mettendo uno stuzzicadenti in immersione e se si formano delle bolle tutto intorno, allora la temperatura è corretta, altrimenti fate come me, attrezzatevi di un termometro elettronico e aspettate che la temperatura arrivi a 160°; friggiamo le melanzane e mettiamole a scolare dell’olio in eccesso.

Mettiamo a bollire l’alcqua per la pasta, questo tipo in particolare ha la caratteristica di completare la sua cottura in forno, quindi, lasciamo cucinare per circa 13 minuti, scoliamo al dente e aggiungiamo la salsa.x (8 di 11)

Condiamola con la salsa, lasciandone un pò da parte per usarla dopo, prendiamo una tortiera di 20 cm di diametro con cerniera, quella che si usa per la ciambella e iniziamo a comporre gli strati.

Cominciamo con uno stato di melanzane, poi uno di pasta, della salsa, una grattuggiata di ricotta salata e così via, fino a chiudere con l’ultimo stato di melanzane.

x (7 di 11)

Inforniamo per 20 minuti a 180°, in modalità statica a metà altezza in forno.

x (10 di 11)Lasciamo riposare a forno spento per una decina di minuti, prendete un piatto da portata, mettetelo sopra la tortiera, capovolgete e aprite delicatamente la cerniera, se è il caso aiutatevi con una spatola per staccare dei bordi il timballo; spolverate la cima con della ricotta salata e servite ancora caldo.

Il mio ha avuto in piccolo incidente, ma il sapore era ugualmente buono,

x (11 di 11)

 

bon apetit!

Infografica in cucina! #1

Oggi cominciamo una raccolta che pian piano diventerà molto interessante e divertente, le infografiche dedicate al mondo della cucina e del cibo.

Ma cos’è un’infografica? Sono degli schemi composti da disegni e cifre che schematizzano con molta chiarezza e semplicità un argomento, una sorta di riassunto visivo per intenderci.

A me piacciono particolarmente perchè sono colorate, arredano e utilissime come memo in cucina; le ho collezionate quasi tutte, cercandole qua e la’ sul web, purtoppo sono in inglese, ma di facilissima comprensione.

Oggi vi posterò quella sui tempi e modi di cottura dei vegetali, alla prossima!tempi cott vegetali

1 2

Social Network Integration by Acurax Social Media Branding Company
CONSIGLIA Torta di mais
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On Google PlusVisit Us On YoutubeCheck Our FeedVisit Us On Instagram